lunedì 3 dicembre 2012

Cronisti cronici apocalittici: Enrico Gregori

Dice (poco) di sé: Nato a Roma nel 1954. Giornalista professionista dal 1983, si è sempre occupato di cronaca nera. Attualmente è caposervizio a Il Messaggero di Roma. È autore di quattro romanzi thriller: Un tè prima di morire (Bietti Media, 2007), Doppio squeeze (Bietti Media, 2008), Le mille facce della morte (Historica Edizioni, 2010), Il percorso degli incubi (Azimut, 2010). Ha inoltre pubblicato il racconto lungo Cinque verticale (Senzapatria, 2010) e alcuni racconti in varie antologie.
Diciamo di lui: Come rompe le balle lui, nessuno mai. E potrebbe essere la sua epigrafe. Scontroso, sarcastico, cinico, criticone (se direbbe a Roma) a prescindere. Potrebbe sembrare il fratello maggiore di Giovanni Stoto, messa così. Poi però scrive (oddio, pure Stoto) e gli si perdona tutto (a Stoto no, diciamocelo). Il suo racconto "Il pranzo di ringraziamento" è... lo scoprirete leggendolo. Uno dei racconti più originali mai pervenuti. Forse il più originale in assoluto.