sabato 27 settembre 2014

Dialogo da un anniversario di matrimonio

La - quanti anni sono?
Lo - ventisette, ci pensi?
La - ci avresti mai creduto che...
Lo - che durava così tanto il mio matrimonio?
La - no, che ci saremmo ritrovate a parlarne, io e te, a distanza di quasi trent'anni.
Lo - sì.
La - sì?
Lo - certo. Sapevo che ci saremmo ritrovate a parlarne, sapevo che tu ci saresti stata, sapeva che saresti stata presente nella mia vita e in quella dei miei figli. Se ti ricordi, te lo dissi pochi giorni prima del matrimonio come lo vedevo il futuro: io moglie e madre, tu scavezzacollo e zia impagabile per i miei figli. Solo che tu non ci credevi.
La - no?
Lo - no. Tu avevi paura.
La - tutti hanno paura quando il/la loro migliore amico/a si sposa. Si ha paura del cambiamento, delle priorità che diventano altre, non è colpa di nessuno, è che...
Lo - è che non mi conosci bene.
La - ...?
Lo - io scelgo una volta nella vita. E rimango coerente.
La - umh, quindi tu mi avresti scelta...
Lo - esattamente.
La - e sapevi già come sarebbe andata...
Lo - proprio così.
La - mi stai dicendo che non ho mai avuto scampo?
Lo - consolati, non sei la sola.