giovedì 22 settembre 2011

CRONACHE DI INIZIO MILLENNIO: dopo MICELI, MINTZ

Di lei posso dirvi che all'apparenza e' una dolce signora con una criniera di riccioli ingrifati. Che ama moltissimo gli animali. Che ha una notevole facilita' nell'inventare efferati modi per far morire le vittime dei suoi romanzi. Si chiama Patrizia Mintz, ha scelto di raccontare il 6 aprile 2009 e non sono in possesso di sue foto. Anche perche' se le avessi, e le divulgassi, mi troverebbero sgozzata in qualche misterica chiesa provenzale. Quindi immaginatela cosi' (e comunque un po' le somiglia).

E’ nata nel 1959. Si è laureata in Giurisprudenza presso l’Università di Bologna. Dopo tre anni di giornalismo investigativo negli Stati Uniti, durante i quali ha spaziato dalla carta stampata alla radio, attualmente lavora per Rai Uno Cultura. Il suo primo libro Io sono il mare – Cronaca della morte annunciata di Derek Rocco Barnabei, era incentrato sulla pena di morte negli Stati Uniti. Con i successivi due libri, Veritas e Il custode degli arcani (Piemme), ha virato verso il thriller, genere che ha sempre amato.