martedì 6 marzo 2012

Oggi su "La Sesia": Cinguettii feroci e contrapposti


Mentre scriviamo si è diffusa, non confermata, la notizia che Rossella Urru, la cooperante italiana rapita in Algeria quattro mesi fa, sarebbe stata liberata. Nella speranza che quando leggerete questo articolo Rossella sia effettivamente libera e magari già restituita all’abbraccio dei suoi cari, allontaniamoci dal particolare per approdare al generale. Ormai essere fuori dai social network significa essere fuori dallo stormo di notizie e pettegolezzi che svolazza sempre più nutrito nel cielo della Rete. Avrete sentito parlare di Twitter. Nasce per scambiare sms di 140 tassativi caratteri, con la differenza che ogni messaggio arriva contemporaneamente a tutti coloro che si sono dichiarati interessati alla vostra opinione. Ovvio che più seguaci (in gergo follower) si hanno, più ci si sente importanti. Non ci sono regole fisse per catturare seguaci e le tendenze più diffuse sono due: uniformarsi al comune sentire oppure andare decisamente controcorrente. Non possiamo dire quale delle due paghi di più ma possiamo darvi conto di scontri di schieramenti l’un contro l’altro armati che attengono alla cronaca più recente. Partiamo proprio da Rossella Urru. Quattro mesi nelle mani di Al Qaeda e un assordante silenzio dei media, rotto a Sanremo da Geppi Cucciari. Poi succede che due soldati italiani in servizio antipirateria su una petroliera nell’Oceano Indiano vengano accusati di aver ucciso a fucilate due innocenti pescatori indiani. E vengano arrestati. Immediata la mobilitazione della Rete per sostenere i marò e il loro immediato rilascio. In effetti il governo italiano si mobilita, com’è giusto che sia. Ed ecco che ai cinguettii pro-marò (tweet significa proprio cinguettio) si contrappongano quelli pro-Rossella Urru. Come se l’una cosa escludesse l’altra. Rosario Fiorello, cinguettatore compulsivo, rilancia l’appello per Rossella e oggi (sperando che la notizia sia confermata) è tutto un cinguettare: è merito di Fiorello. No, è merito delle trattative dello stato italiano. Cambiano le modalità, ma i tempi son sempre quelli di Coppi e Bartali. Si sceglie lo schieramento e poi si parte alla carica. Il cinguettio è stato a dir poco feroce riguardo la vicenda di Luca Abbà, l’attivista NoTav caduto dal traliccio: eroe o esaltato? Se i cinguettii uccidessero, si sarebbe visto scorrere il sangue. Così anche per lo scontro tra un altro attivista NoTav e il carabiniere ormai noto come pecorella. Opposte partigianerie, opposti modi di pensare e possiamo capirlo, visti gli argomenti che riscaldano gli animi. Ma giovedì scorso è morto Lucio Dalla e uno si aspetta un cinguettio unanime, come quello di uno stormo di storni al tramonto. Invece anche qui si è trovato il modo di scontrarsi. Perché qualcuno ha twittato la più idiota delle domande: ma al posto di Dalla non poteva morire Gigi D’Alessio? E altri hanno giustamente risposto che la madre dei cretini è sempre incinta.

Laura Costantini