mercoledì 19 gennaio 2011

Simbologia del traffico

Passo molte ore nel traffico romano e piuttosto che spegnere il cervello, sfrutto quel tempo nell'osservazione di cio' che mi circonda, derivandone riflessioni e conclusioni sullo stato attuale della societa' italiana. Dice: ma non sarebbe meglio ascoltare le hit del momento? Si', sarebbe soprattutto consolatorio rispetto allo spettacolo quotidiano di quello che siamo diventati. Per dire: nessuno al mondo potrebbe nutrire ancora dubbi circa la profonda italianita' di Cristoforo Colombo se si trovasse ad affrontare alcuni punti nevralgici della viabilita' romana. Che c'entra? Colombo era un fautore del buscar el levante por el ponente, giusto? Bene. E' profondamente italico, soprattutto se si e' alla guida di qualcosa (che sia il timone di una caravella o il volante di un'auto o il manubrio di uno scooter) adottare la circumnavigazione. Immaginare una strada a tre corsie. La piu' a sinistra consente la svolta a sinistra, quindi sarebbe logico che chi debba svoltare si incolonni li' per consentire a chi deve procedere dritto di andarsene per la propria strada. E invece... ecco i furbi di turno che si allargano a destra per superare gli incolonnati a sinistra e si fermano nel bel mezzo della corsia centrale impedendo il passaggio a chi deve andare dritto. Dite che si sentono colpiti dai calcson e dagli improperi? Giammai. Sono convinti di essere perfettamente nel proprio diritto. Altro esempio: siete sulla solita strada a due corsie, traffico intenso ma scorrevole. Volete guadagnare la corsia di sinistra e mettete la freccia tenendo d'occhio lo specchietto laterale. Fateci caso. Il tipo che procede sulla corsia di sinistra con tutta la calma del mondo, appena vede la vostra segnalazione accelera come Alain Prost dei bei tempi e vi impedisce di spostarvi. Come se ne esce? Togliete la freccia. Lui rallentera' automaticamente, tranquillo che nessuno possa togliergli il suo posto al sole. Allora voi rimettete la freccia e, contemporaneamente, vi spostate senza dargli il tempo di rendersi conto che sta per perdere l'unico privilegio che il mondo gli riconosca: quello di definirsi piu' furbo e ganzo di voi. Terzo esempio. Solita strada, due corsie. Quella di sinistra vi consente di svoltare a sinistra, ma dovete tener d'occhio coloro che vengono nel senso opposto e hanno la precedenza. Ebbene, anche se anche loro devono svoltare (nel loro caso a destra), non segnaleranno l'intenzione con la freccia. Perche'? Perche' voi vedendo la lucina intermittente, capireste che dovranno rallentare e potreste, ohibo', approfittarne per svoltare prima di loro. Quindi arriveranno a tutta velocita', lampeggiando come un'astronave di guerre stellari, poi svolteranno come quelli di Distretto di Polizia e sorrideranno per avervi, ancora una volta, dimostrato chi e' il piu' furbo.
Ora, secondo voi tutti costoro sono o non sono sostenitori dell'attuale governo?

2 commenti:

  1. indubbiamente figli giudiziosi di cotanto padre putativo...

    RispondiElimina

I commenti non espressamente firmati e/o sgradevoli verranno cancellati dalle proprietarie di questo blog.