venerdì 19 agosto 2011

CRONACHE DI INIZIO MILLENNIO: dopo CASCIO, CENCIARELLI

Lei, GAJA CENCIARELLI, è un caso particolare. E andiamo per ordine. Intanto, sebbene in ordine alfabetico si ponga al settimo posto, in realtà le spetta l'onere (e l'onore) di chiudere l'antologia. Perché Gaja ha fortemente voluto esserci, ma il lavoro di creazione dei racconti per le nostre "Cronache" concomitava con il suo impegno al fianco della editor di Nottetempo per l'uscita del romanzo Sangue del suo sangue (libro che DOVETE leggere, detto tra noi). Quindi, visto che lei non è tipo da buttar lì due righe tanto per, ha rinunciato a scrivere un racconto e si è ritagliata un ruolo da "fiancheggiatrice ufficiale". Non vi dico altro, se non che il suo apporto si colloca, a voler scegliere una data, esattamente all'11 settembre 2011.

Nasce a Roma nel 1968. Scrittrice e traduttrice dall’inglese, caporedattrice di Vibrisselibri, ha pubblicato, oltre a racconti in antologie e riviste, “Il cerchio” (2003) ed “Extra Omnes. L’infinita scomparsa di Emanuela Orlandi” (2006). A maggio di quest’anno è uscito il suo romanzo “Sangue del suo sangue” (Nottetempo)